Caldaie a condensazione come funzionano e perché risparmiano

Caldaie a condensazione come funzionano e perché risparmiano

Le norme europee in fatto di impianti termici – e anche quelle che progressivamente si stanno dando tutti gli stati al mondo – puntano a ridurre il consumo di carburanti fossili per abbassare i consumi, ridurre i costi e inquinare il meno possibile. Una questione vitale per tutti noi oltre che importante per i nostri portafogli.

In Europa tutti i produttori sono ormai impegnati a realizzare e distribuire caldaie a condensazione da interno e da esterno perché questa tecnologia riesce a recuperare gran parte del calore che viene espulso attraverso le canne fumarie nelle caldaie tradizionali. Il calore dei fumi viene ceduto al circuito di riscaldamento attraverso appunto la condensazione del vapore acqueo e, nella maggior parte dei casi, viene fatto raffreddare almeno sotto i 55 gradi prima di essere espulso in atmosfera. Se si tiene presente che il vapore acqueo esce dalla caldaia con temperature ben più alte dei 100 gradi, si capisce quanta energia si può recuperare con questo metodo.

Si dice quindi che le caldaie a condensazione hanno un rendimento superiore del 10% almeno, rispetto a quelle tradizionali. Basta cioè meno energia per ottenere lo stesso risultato. I vantaggi delle caldaie a condensazione sono evidenti già con impianti tradizionali che spingono nei termosifoni acqua molto calda, con temperatura che arriva fino a 80 gradi. Negli impianti a pavimento che non superano i 40 gradi, i vantaggi sono ancora superiori e i risparmi in termini di spese possono arrivare addirittura al 30%!

Dal settembre 2015, i costruttori di caldaie sono obbligati per legge ad immettere sul mercato europeo apparecchi che abbiano un’efficienza almeno pari a quella delle caldaie a condensazione. Chi possiede una caldaia vecchia anche se ancora funzionante, può pensare di sostituirla in anticipo per approfittare di una serie di vantaggi sia immediati sia duraturi nel tempo.

Per favorire il passaggio a soluzioni più avanzate e la diffusione di tecnologie meno inquinanti, capaci di ridurre gli sprechi, lo Stato assicura detrazioni fiscali fino al 65% e un’IVA  agevolata al 10% per gli acquisti.

L’italianissima Immergas è stata la prima azienda a credere e promuovere la tecnologia della condensazione, fornendo un’ampia gamma di prodotti e curando la formazione dei professionisti del settore. Offre un catalogo particolarmente esteso che comprende modelli con potenze diverse (da 12 a 35 kW e oltre), murali e da incasso con dimensioni particolarmente compatte. I modelli migliori di caldaie a condensazione hanno anche sistemi per il controllo dell’acqua perché arrivi nella doccia alla temperatura giusta, il prima possibile. In più la garanzia Immergas di due anni può essere estesa fino a 10 anni con l’attivazione gratuita fino a 5 anni.

Nessuna valutazione ancora.

Dai un voto a questo articolo (da 1 a 5 stelle)