Aprire una ludoteca

Aprire una ludoteca

Amate i bambini e volete aprire un’attività da cui ricavare un profitto economico? Aprire una ludoteca nella vostra città potrebbe essere una buona soluzione per unire l’utile al dilettevole.

Sicuramente dovrete entrare a conoscenza delle procedure necessarie alla sua apertura, agli adempimenti burocratici ed ai finanziamenti previsti per chi parte da zero.

Il vostro locale dovrà essere necessariamente conforme ai regolamenti urbanistici ed edilizi e dovrà essere in linea con le norme igienico-sanitarie. Dovrete informarvi anche sulle leggi regionali in vigore che regolino l’apertura di una ludoteca, oltre a ciò che stabiliscono i singoli Comuni: alcuni lasciano molta libertà ai privati in merito ai requisiti del locale scelto, altri sono più esigenti sotto il punto di vista burocratico.

Se, quindi, avete deciso di cimentarvi in questa attività, dovrete comunicarlo all’Ufficio delle Attività produttive e del Commercio del vostro Comune di appartenenza, presentando con la domanda degli appositi documenti che vi verranno richiesti.

I titoli richiesti

Aprire una ludoteca non equivale ad aprire un asilo nido, perciò non esistono precise modalità di funzionamento, non è previsto il servizio mensa ed anche gli operatori che lavoreranno all’interno del locale non dovranno possedere obbligatoriamente uno specifico titolo di studio. Nonostante questo, è ovvio che sia preferibile che questi possiedano quantomento esperienza nel campo dell’infanzia.

La forma legale

Quali sono le forme legali che si possono attribuire ad una ludoteca?

Si può scegliere di aprire una ludoteca in qualità di singoli imprenditori, oppure in veste di società, quindi di associazione culturale, srl o cooperativa. Alcune leggi nazionali finanziano il singolo imprenditore, come ad esempio la legge sull’imprenditoria femminile, mentre altre prevedono degli sgravi fiscali per chi opera in cooperative.

La struttura

Il locale da adibire a ludoteca non dovrà necessariamente essere troppo grande ed è preferibile che non si trovi troppo in periferia. Il vostro geometra vi aiuterà ad organizzare al meglio lo spazio interno in base alle vostre esigenze e alle attività che vorrete svolgere nel vostro locale.

La ludoteca dovrà essere preferibilmente collocata al piano terra dell’edificio, in modo da ridurre già in partenza il pericolo delle scale per i bambini e facilitare l’accesso anche a chi ha problemi di mobilità, dal momento che dovranno essere obbligatoriamente rispettate le norme sulle barriere architettoniche previste dalla legge n.104 del 1992. L’ideale sarebbe avere a disposizione anche uno spazio verde esterno.

Il vostro geometra vi consiglierà sicuramente l’utilizzo di pannelli mobili per organizzare lo spazio interno del vostro locale: con essi sarà estremamente facile e veloce modificarlo a vostro piacimento, in base alle esigenze ed alle attività che deciderete di svolgere volta per volta.

Uno spazio di attesa ed accoglienza è necessario: in essa potrà svolgersi, oltre la consulenza con i genitori, anche l’attività di segreteria e registrazione dei bambini.

La parte più importante, il cuore pulsante della ludoteca, è senza dubbio la sala giochi, che dovrà quindi essere anche la parte più ampia: è qui che verranno organizzati i giochi e le attività principali, e sarà anche la parte che potrà essere data in dotazione per feste private, dotandola di gonfiabili e animazione. All’interno di quest’area è importante che ci sia un’area destinata ai più piccoli che, altrimenti, rischiano di farsi male giocando con i più grandi.

Se lo spazio a disposizione ve lo permette, potrete realizzare anche una sala lettura, nella quale mettere libri per bambini e ragazzi, fumetti e riviste, ed una sala che funga da laboratorio, in cui realizzare tutti i lavori manuali ed i vari laboratori che avrete in programma di svolgere con i ragazzi.

5/5 (1)

Dai un voto a questo articolo (da 1 a 5 stelle)