Preparazione fondamenta

Nuove regole edili

Il nuovo regolamento edilizio, cosiddetto “unificato”, prevede uno svolgimento più veloce delle pratiche e una più funzionale regolamentazione del tutto. La graduale semplificazione dei processi burocratici nel campo dell’edilizia sarà possibile grazie a un lessico universale presente a livello nazionale. Questo escluderà le diverse interpretazioni di punti dubbiosi del regolamento edilizio a seconda dei territori, avvantaggiando così la pubblica amministrazione locale. L’innovazione nel campo edile è stata spiegata da Marco Di Maio, che ha sottolineato come tale procedura fosse necessaria per il corretto svolgimento delle opere edili in Italia, senza più differenze d’interpretazioni a livelli regionali o addirittura provinciali.

L’unico schema darà modo di svolgere più facilmente le procedure burocratiche, passando così i vari tragitti anteriori alla vera e propria opera edile in modo più veloce. Si tratta di un’occasione favorevole alle aree italiane che lavorano sul piano burocratico per rendere eguali le norme edili e quelle urbanistiche per le varie Amministrazioni presenti a livello locale. Lo schema in questione è previsto dal DL Sblocca Italia, che mira a rendere le questioni burocratiche italiane meno complesse e più facili da svolgere. Il regolamento proposto mira ad assicurare ai cittadini italiani su tutto il territorio e indipendentemente dalla residenza, un livello unico che dovrebbe garantire delle prestazioni uguali a tutti.

Quest’innovazione è frutto di un lungo lavoro eseguito dal Tavolo tecnico implementato il 5 maggio del 2015 insieme ai rappresentati dell’Anci e delle varie Regioni italiane. La commissione di lavoro è stata coordinata dal Mit e dai membri della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Il primo passo verso la semplificazione delle procedure e l’unificazione delle norme è stato eseguito anche grazie al lavoro del Dipartimento per la Funzione Pubblica. Oggigiorno, invece, è in corso una verifica di quanto fatto, che durante il corso del tempo dovrà evidenziare i lati positivi e quelli negativi del regolamento implementato. In base alla presenza di lacune o aspetti negativi il regolamento unitario verrà migliorato con l’aggiunta di aspetti completamente nuovi. Si prevede, quindi, una progressiva evoluzione del regolamento edilizio unificato.

I punti più importanti dello schema proposto riguardano il silenzio-assenso sul permesso di costruzione, la semplificazione nel rilascio dei titoli edili, il superamento delle differenze di lettura in materia edile a livello locale, il ripristino dei regolamenti comunali riguardanti la disciplina edile alla loro funzione d’integrazione, e non all’ostacolo.

Schema tratta anche le scelte urbanistiche, i tessuti urbani (specialmente nella loro qualificazione e sviluppo), nonché l’introduzione di alcuni elementi qualificativi degli edifici (per esempio le prestazioni delle costruzioni). Si punta a rendere più facile l’accesso alle norme edili da parte dei cittadini comuni e delle imprese provenienti dall’estero, il che a sua volta dovrebbe migliorare l’economia locale e aumentare gli investimenti diminuendo la troppa burocrazia e giurisprudenza presente nella disciplina edilizia. Il tutto è anche finalizzato a rendere più qualificabile l’immenso patrimonio edilizio italiano. A detta di Di Maio, si tratta soltanto di una parte degli obiettivi preposti dall’attivazione del nuovo regolamento pensato per dare al settore edilizio una forte spinta per ripartire.

Nessuna valutazione ancora.

Dai un voto a questo articolo (da 1 a 5 stelle)